Da progetto di ricerca interno a strumento a vantaggio di un cliente

Un'amministrazione pubblica, un servizio contestato e un progetto di ricerca interno. Perché non farne un ingaggio professionale per noi e uno strumento prezioso per gli utenti?

Scenario

A Udine sta entrando in vigore un nuovo sistema di raccolta rifiuti rivoluzionario per la città e i suoi cittadini: il servizio di raccolta differenziata porta a porta.

Questo cambiamento nelle abitudini della popolazione ha suscitato varie critiche e contestazioni. Net S.p.A., l’azienda pubblica che gestisce la raccolta dei rifiuti in città e in altri comuni limitrofi, sta cercando in vari modi di semplificare il passaggio dal sistema attuale a quello nuovo. 

Abbiamo pensato di lanciarci anche noi, suggerendo a Net l'adozione di una app per aiutare i cittadini di Udine. E abbiamo proposto un punto di partenza strategico, la nostra Riciclo.

Riciclo è un’applicazione del 2015, nata come progetto di ricerca e sviluppo interno in Servizi Multimediali, autofinanziato, condotto per incrementare le nostre competenze digital. Allora avevamo deciso di esercitarci su un'esigenza anch'essa personale: un'app che ci ricordasse, con una notifica, la raccolta porta a porta del giorno successivo così da preparare i rifiuti in modo corretto la sera prima.

Da app interna, l'abbiamo messa a disposizione degli amici e poi su Play Store (nasce per Android) dove, negli anni, ha riscontrato molti apprezzamenti da parte degli utilizzatori, soprattutto per la sua facilità e per la funzionalità principale, ovvero il sistema di notifiche.

Idea e obiettivo

Ho provato a contattare Net, attraverso il form presente sul suo sito web, per proporre di creare un'app personalizzata con le stesse funzionalità di Riciclo. La risposta è stata veloce: l'interessa era alto.

Ho subito preso appuntamento con il referente tecnico, che ha illustrato le necessità aziendali e ha ascoltato la nostra idea.

Giunta l'approvazione e dopo una serie di incontri, ho creato un team per il progetto composto da noi, il referente di Net e lo studio grafico che segue la comunicazione dell’azienda.

Parallelamente ci siamo interfacciati con il nostro partner specializzato in sviluppo app perché adeguasse la base di Riciclo alle esigenze di Net, agli standard e alle linee guida attuali, e alla immagine coordinata di Net, mantenendo pur sempre le stesse funzionalità iniziali. 

È nata così Net - casa per casa, l'app di Net S.p.A.

og-app-net-casa-per-casa

Coordinamento del flusso di lavoro

Il mio compito è stato quello di raccogliere le richieste del cliente, interfacciarmi con lo studio grafico per identificare le zone di personalizzazione dell’app, coordinare lo sviluppo delle modifiche tecniche e grafiche con il nostro partner e quelle interne in Servizi Multimediali.

Per portare avanti queste attività abbiamo lavorato con dei meeting periodici, tenendo sempre aggiornato il cliente sullo stato di avanzamento del progetto così da accogliere eventuali richieste di modifiche, nate strada facendo. Allo stesso tempo, c'erano da rispettare le scadenze per ricevere tutto il materiale e far trovare l’app pronta al momento della sua pubblicazione, imminente.  

Sì, perché il progetto è partito a metà ottobre, ma con il 1° dicembre l’app doveva essere pubblicata su Play Store e su Apple Store.

In questo mese e mezzo di progetto, oltre alla coordinamento del lavoro esterno, c'erano anche da caricare tutti i dati nell’app. Lo abbiamo fatto in Servizi Multimediali, attraverso un pannello di controllo che si interfaccia con l’app. 

Abbiamo caricato pertanto le zone di attivazione del servizio, i calendari delle raccolte per ciascuna zona e tutti i materiali (circa 600), ciascuno censendolo con la categoria di appartenenza.

Una volta integrato il layout grafico, fornito dallo studio grafico di Net, siamo passati alla pubblicazione negli store.

Ciò ci ha portati ad aprire le posizioni su Play Store e Apple Store a nome del cliente, censire e categorizzare per ogni store l’applicazione, creare gli screenshot dell’app che vengono mostrati sugli store e preparare un video in inglese in cui spiegare tutte le funzionalità dell’app. In fase di approvazione, il video serve agli sviluppatori Apple per valutare se l'app è compatibile con gli standard richiesti.

Ed eccoci alla pubblicazione. Su Apple Store l’app in 2 giorni era già disponibile a tutti. Su Play Store è stata un po' più lunga.

Abbiamo avuto una situazione inaspettata. Di recente gli algoritmi di Google hanno subito degli aggiornamenti che riguardano come rendere visibile una app. Fanno acquisire punteggio (e quindi visibilità) le valutazioni, le recensioni, i download ecc. che per un’app appena uscita sono naturalmente pochi. Ciò ha rallentato la disponibilità su Play Store. 

Per fare in modo che gli utenti potessero scaricare l’app, abbiamo allora suggerito di creare una pagina di atterraggio sul sito Net con i link diretti agli store (perché comunque le schede su entrambi gli store erano disponibili e correttamente impostate). 

Con la collaborazione dello studio grafico, che si occupa anche della comunicazione e promozione di Net sui vari canali, questa pagina è stata sponsorizzata su Facebook per aumentare la visibilità.

Oggi come siamo? L’app sta riscontrando una buona visibilità e un buon utilizzo. In 15 giorni è stata scaricata da quasi 1.500 utenti con valutazioni medio/alte. Considerati il problema iniziale della pubblicazione su Google Play Store, il clima di contestazione presente a Udine e il bacino di utenze su cui attualmente è stato attivato il nuovo servizio porta a porta, è un buon risultato. E naturalmente l’app è sempre in aggiornamento: siamo in continuo contatto con il cliente per inserire i dati per le nuove zone e i nuovi calendari, oltre a ottimizzare il funzionamento, seguendo anche le recensioni e i commenti degli utenti. Obiettivo: rendere l'app sempre più facile e intuitiva per rispettare l'idea di servizio agli utenti richiesta da Net.